CONDIVIDI

L'economia globale sembra riprendersi da una "convalescenza" durata anni: "abbiamo raggiunto un punto di svolta" e "ci stiamo muovendo verso una posizione migliore. Ma sarebbe un errore assumere che questo si traduca automaticamente in un'ottima salute". Lo afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, mettendo in guardia sui rischi politici. "Raramente come in questo momento le scelte politiche sono importanti per quello che verrà dopo, soprattutto quando ci sono ancora considerevoli rischi all'outlook".
E nel documento preparato in vista del G20 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali in calendario a Baden-Baden, in Germania, il 17 e 18 marzo, il Fondo sottolinea che il rischio di misure protezionistiche è aumentato e quindi tali misure vanno evitate perché danneggiano la crescita, il welfare, la resistenza e la flessibilità economica.