CONDIVIDI

(Fotogramma)

Pubblicato il: 27/03/2017 09:37

Plus500

Le Borse europee avviano in rosso la prima seduta di scambi della settimana. Le tensioni internazionali, dopo l'attacco a Londra, le manifestazioni di protesta in Russia e il ritiro del voto per abolire l'Obamacare, negli Usa, che già lo scorso venerdì ha zavorrato la Borsa di Wall Street, si ripercuotono sui mercati del Vecchio continente che perdono quasi un punto percentuale.

Questi gli indici: Parigi -0,83%, Francoforte -0,86%, Londra -0,83%, Bruxelles -0,62% e Amsterdam -0,90%. Piazza Affari è in linea e cede lo 0,78% sul Ftse Mib e lo 0,73% sull'All Share.

Sul principale paniere milanese, fari puntati su Ferrari, unico titolo in verde insieme a Recordati (+0,32%). La vittoria del Cavallino rampante al Gp d'Australia ha lanciato il titolo in vetta al listino, spinto da un incremento dell'1,82% a 67,3 euro per azione.

In rosso tutti gli altri titoli: tra i bancari Unicredit, maglia nera, cede il 2,22% affiancata da Banco Bpm (-1,54%), Bper (-1,84%), Ubi (-1,27%) e Intesa Sp (-0,95%). Male anche il lusso, con Moncler che cede l'1,43%, seguito da Ferragamo (-1,38%), Yoox-Nap (-1,25%) e Luxottica (-0,68%).

Sul fronte valutario, si rafforza l'euro sul dollaro: il cambio tra la moneta europea e il biglietto verde si attesta a 1,086. Calano, invece, i prezzi del petrolio, con il Brent che scivola a 50,46 dollari al barile (-0,67%) e il Wti che scende a 48,12 (-0,80%).

Stabile lo spread, con il differenziale tra Btp e Bund tedeschi che si attesta a 181 punti base con un rendimento del 2,24%.