CONDIVIDI

Nel report odierno analizziamo nel dettaglio una importante multinazionale operante in oltre 180 paesi del mondo.

Nel report odierno analizziamo nel dettaglio una importante multinazionale operante in oltre 180 paesi del mondo, che vanta risultati record e risulta attualmente attestata ai primi posti nella speciale classifica che raggruppa i 20 titoli più performanti a Wall Street dal 1957 ad oggi. Nella seconda parte del report, dedicata al portafoglio ETF, diamo ampio spazio ad un interessante ETF a cedola trimestrale che permette di investire in immobili a rendita in tutto il mondo su oltre 300 diversi fondi e società immobiliari. La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da andamenti in rialzo per i nostri portafogli, favoriti dal buon andamento di Wall Street, con l'indice S&P500 che ha chiuso venerdì scorso a 2.431,77 punti, ad un passo dal record storico. Dedichiamo la prima parte del report di oggi all'analisi dei dividendi percepiti nel corso del mese precedente. Il mese di maggio ha confermato il trend di crescita in atto già da diversi mesi in termini di dividendi per i nostri portafogli, in linea con i nostri obiettivi. In particolare, per il modello Top Analisti, abbiamo incassato in maggio un totale di 19 cedole, per un controvalore pari a 3.706 dollari, contro 3.672 dollari di maggio dello scorso anno, portando il totale complessivo dei dividendi a 47.487 dollari percepiti negli ultimi 12 mesi (giugno 2016 – maggio 2017), in costante aumento dai 28.771 dollari incassati nel 2010. Negli ultimi 7 anni la rendita complessiva generata dal nostro portafoglio è cresciuta del 65%, senza apporti di nuova liquidità e reinvestendo esclusivamente i dividendi percepiti.

L'aumento della rendita ha evidenziato un andamento costante, con crescite stabili indipendentemente dalle oscillazioni di breve termine degli indici azionari. Dopo questi incrementi, il nostro rendimento sui prezzi di carico (yield on cost) è attestato ora al 6,9% annuo e al 3,5% sulle attuali quotazioni di borsa. E' interessante notare che da gennaio 2010 ad oggi i dividendi percepiti dal portafoglio Top Analisti hanno contribuito per il 43% del capitale iniziale conferito e per il 52% della performance complessiva, confermando l'importanza della componente cedole per i risultati di lungo termine. In aggiunta, in questi anni, abbiamo interamente reinvestito tutte le rendite percepite in nuove società ad elevato dividendo per sfruttare il potente effetto leva generato dall'interesse composto. Qualora la tendenza di crescita della rendita cumulativa ottenuta dal portafoglio dovesse proseguire con lo stesso trend registrato negli ultimi 7 anni, potremmo raggiungere l'obiettivo di una rendita su prezzi di costo vicina al 10% annuo tra il 2020 e il 2021.

Original Article