CONDIVIDI

A suo tempo il padre di tutti i social, Facebook comprò la madre di tutte le chat, Whatsapp, e vissero felici e contenti fino a quando non venne l'ora di dover monetizzare gli utenti.

A suo tempo il padre di tutti i social, Facebook comprò la madre di tutte le chat, Whatsapp, e vissero felici e contenti fino a quando non venne l'ora di dover monetizzare gli utenti. Forte della sua già ampia capacità di monetizzare i 2 miliardi di user che può vantare nei suoi archivi, FB riuscì ad essere lungimirante anche per la più famosa app di messaggistica, permettendosi un investimento su cui nessuno osò muover una critica.

L'idea

Matt Idema, chief operating officer di WhatsApp, ha già annunciato che presto la creatura darà una linea privilegiata per lassistenza clienti alle imprese. Di cosa si tratta? Nello specifico sarà il cliente a scegliere quale sarà la società con la quale stabilire il contatto in modo da poter creare un ponte comunicativo con il quale, da un lato avere assistenza e, dall'altro, ricevere offerte, annunci, aggiornamenti. Così come recentemente ha fatto proprio Facebook, sarà un'icona particolare sul display o sull'avatar a segnalare l'autenticità dell'account della ditta, in modo che così nn ci siano furti di dati sensibili o possibili truffe. Il costo di questa iniziativa sarà a carico delle aziende stesse che potranno così creare un servizio extra, gratuito (per i clienti) ed anche immediato. Caratteristica principale di whatsapp, infatti, è la velocità della comunicazione. Una velocità che deve essere unita anche ad una forte affidabilità dal momento che nel recente passato whatsapp è stato scelto da molti truffatori per poter raggiurare migliaia di utenti.

Original Article