CONDIVIDI

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Ferrari[1]

Il titolo accusa un ribasso di oltre il 7% dopo la bocciatura della banca Usa secondo cui è necessario un pit-stop ora. La pensa diversamente la SIM milanese che vede tanti motivi per puntare ancora su Ferrari.

Una seduta lacrime e sangue quella odierna per Ferrari che, dopo aver chiuso la sessione di ieri con un frazionale rialzo dello 0,05%, quest'oggi viene colpito da una pioggia di vendite che lo costringono ad occupare l'ultima posizione nel paniere del Ftse Mib. Non più tardi di ieri il titolo si è spinto nell'intraday ad aggiornare il suo massimo storico, con top a 99,2 euro, dal quale però sta ripiegando bruscamente, riportandosi su valori lasciati alle spalle nella prima metà di agosto.

A circa un'ora dalla chiusura delle contrattazioni odierne, Ferrari viene scambiato a 91,75 euro, con un affondo del 6,14%, alimentato da elevati volumi visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 2 milioni di azioni, più del doppio della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 750mila pezzi.

Morgan Stanley boccia il titolo: ecco perchè

Ferrari subisce una pesante battuta d'arresto pur confermandosi uno dei migliori a Piazza Affari da inizio anno, con un rialzo ad oggi di circa il 64% rispetto ai valori della fine del 2016.
Ad imporre questa pesante retromarcia al titolo contribuisce senza dubbio la bocciatura arrivata da Morgan Stanley, i cui analisti hanno deciso di cambiare radicalmente strategia su Ferrari, con un rating che passa da "overweight" ad "underweight" e un prezzo obiettivo a 100 dollari.

La banca americana segnala che Ferrari da inizio anno ha raddoppiato il suo valore e ora presenta un potenziale di downside del 14% rispetto al fair value da essa indicato.
I prezzi correnti non rappresentano più un'occasione d'acquisto almeno secondo Morgan Stanley che continua ad apprezzare Ferrari, definendola una società solida e unica. Gli analisti guardano con favore alla forza del brand, alla generazione di cassa e al potenziale di crescita dei ricavi, ma nel corso di quest'anno la situazione è cambiate in maniera rilevante.

References

  1. ^ Ferrari (www.trend-online.com)

Original Article