CONDIVIDI

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

EniSaipemTenaris[1][2][3]

Plus500

Forti vendite sul comparto petrolifero europeo e italiano nel pomeriggio: l'indice di settore STOXX Europe 600 Oil & Gas cede l'1,11% e a Milano Eni cede l'1,05 per cento.

Forti vendite sul comparto petrolifero europeo e italiano nel pomeriggio: l'indice di settore* STOXX Europe 600 Oil & Gas* cede l'1,11% e a Milano Eni *cede l'1,05 per cento. *Saipem *scivola in asta di volatilità con un ribasso teorico del 6,64% dopo un ultimo scambio a 3,516 euro alle 13:53. *Tenaris segna un ribasso dello 0,71 per cento.

Ancora in ripiegamento i prezzi del greggio che sull'Ice registrano un Brent a 62,86 dollari (-0,477%) e un *WTI *a 56,45 dollari (-0,549%).

Il governo statunitense *ha affermato ieri che la produzione nazionale di shale oil (il famigerato petrolio da fracking degli scisti) ha a dicembre crescerà per il 12° mese consecutivo di 80 mila barili di petrolio al giorno. Nel 2018 l'EIA *statunitense si attende una media di produzione sul nuovo record di 9,9 milioni di barili al giorno, oltre il picco di 9,6 milioni del 1970.

(GD – www.ftaonline.com)

References

  1. ^ Eni (www.trend-online.com)
  2. ^ Saipem (www.trend-online.com)
  3. ^ Tenaris (www.trend-online.com)

Original Article