CONDIVIDI

Il punto sul forex

Bruno Chastonay, PUBBLICATO:

Anche ieri, nulla di nuovo con le riunioni delle banche centrali di EU, CH, UK, che hanno confermato la loro politica monetaria.

Anche ieri, nulla di nuovo con le riunioni delle banche centrali di EU, CH, UK, che hanno confermato la loro politica monetaria. In sostanza, resta ampia, e risulta prematuro parlare di un rientro, o di maggiore stretta, per un ritorno alla normalità. Previsioni INFLAZIONE bassa a lungo, e sotto target, RISCHI sempre presenti, ECO soddisfazione per miglioramento ma resta fragile. Anche da parte NOK, confermata la politica monetaria, con previsione valida per i prossimi anni, da bassa inflazione, debole crescita, e ampi rischi presenti nel mondo. Oggi resta attesa URSS con potenziale -25bps, e MEX con +25bps. A sorpresa la CINA, con PBOCC che ha leggermente rialzato i tassi di breve termine, di 5bps, e stringendo su prestiti bancari. La lunga serie di dati economici hanno confermato maggiore stabilità, seppur con un rallentamento nella produzione, investimenti fissi, ma con balzo degli investimenti esteri, recupero ampio nelle vendite immobiliari, e positive vendite dettaglio. Sul fronte POLITICA, per quanto riguarda la BREXIT, nuova perdita consensi, e quindi di potere, per MAY, e il coltello resta nelle mani di EU. E il prossimo VOTO ITL, con tutte le sue incertezze, pesa su spread, indice borsa, bonds.

Il settore IMMOBILIARE resta infiammato in molte nazioni, con deterioramento veloce in SEK, AUD, CAD in particolare, e dai commenti BNS, ancora presenti ampi disquilibri. Per i DATI economici, serie positiva da CINA, USA, balzo inflazione in INDIA, recupero prezzi immobiliari in UK, prezzi produzione rialzo in CH, bene PMI manifatt GER, GIAPP, USA, EU, e in calo servizi manifatt oltre attese. Inflazione e prezzi consumo confermati deboli per FF, ITL, con DRAGHI che teme la bassa inflazione. Bene ORO che recupera, dando rinnovati segnali positivi di medio termine. Altalenante PETROLIO, che dopo nuovi massimi, recede, dai dati di ampia produzione Usa continua. YIELDS sui recenti minimi per primari riferimento, calo Uk, Esp, maggiormente in tensione periferici Eu, con SPREAD sui recenti massimi. Da notare il rialzo del prime rate di Santander, ESP. FOREX, meglio GBP anche se cede nel finale, e AUD su scia dati, con posizioni long AUD/NZD. Cede CHF/cross, stabile EUR/DOLL, sostenuto lo YEN. Deboli LATAM, bene CINA, INDIA; URSS, HK, cede nel finale TURK, e meglio DOLLARO. In buona sostanza, tutti, da FED, a ECB, BNS, BoE, hanno confermato largamente le aspettative, nelle azioni, e nei loro COMMENTI e previsioni future. Ottimismo POLITICA, migliora su BREXIT, NORD COREA, CATALOGNA, di trattative. Rialzate le aspettative di crescita per BRAS, ARG, almeno dai commenti. Segnali restano deboli a negativi per EURO/DOLL, molto interessante short EURO/TURK, come pure long YEN in generale.