CONDIVIDI

Il punto sul forex

Bruno Chastonay, PUBBLICATO:

Settimana inizia ben intonata, con sentiment positivo sempre presente e prevalente.

Settimana inizia ben intonata, con sentiment positivo sempre presente e prevalente. Il dato USA sull'occupazione e assenza di inflazione, hanno dato segnali positivi, riducendo le aspettative di 4 rialzi TASSI USA. Dal GIAPP guai seri per ABE, ministro finanze, a seguito di scandalo clientelismo che ha toccato sua moglie, e sui cui pende rischio di dimissioni forzate. Il prossimo incontro USA-NORD COREA calma i timori GEOPOLITICA. Il rischio di frode per il Fondo Caritatevole CLINTON, e l’aumento marcato delle spese MILITARI per Cina, Giappone, Usa, Urss, non sembrano preoccupare. Neppure i livelli record dei DEBITI, privati e statali, Immobiliari, messi di fronte alla prossima stretta MONETARIA/creditizia, con Cina, Russia, Canada, India, i piu’ esposti. Come il calo netto delle vendite al dettaglio, dei consumi, e di una inflazione molto sotto target e sempre sotto pressione. Dopo la riforma FISCO USA, il fattore DAZI, piu’ politico che reale, visto che sono già presenti dazi imposti da EU, e altri, è rientrato, riducendo i suoi effetti negativi amplificati dai mezzi mediatici. Su questo fronte, già si parla di incontro a discutere l’eliminazione delle barriere doganali entro USA-EU. Un SENTIMENT migliorato nuovamente, a spingere la ricerca di rendimento, anche se i valori RIFUGIO, o alternativi, restano domandati.

In rialzo YEN, CHF, e balzo VIX volatilità. Il FOCUS di questa settimana, sui dati USA, di inflazione e vendite dettaglio odierne, e di quelli CINA di mercoledì. Ieri abbiamo avuto un rialzo deciso per gli INDICI, come molto spesso accade di lunedì, dopo le liquidazioni delle posizioni al venerdì precedente, da attività sempre molto di brevissimo, di trading. YIELDS sostenuti, con occhi sul 10anni Usa, termometro del trend generale. Invariato SPREAD periferici Eu, con ampio disinteresse su prox Governo ITL, o su rinnovo aiuti finanziari GRECIA. Cedono COMMODITY, con ORO, ARG. Per il PETROLIO situazione entro calo numero trivelle, ma con produzione Usa sempre record, e stoccaggi, in contrapposizione su previsioni aumento domanda, freno/tetto produzione Opec. Per le VALUTE, bene MEX, CAD, AUD esentate dai dazi, a cui segue NZD, e GBP. Meglio CINA, leggero calo URSS, TURK, e sempre sostenuto EURO/DOLL, anche se entro fascia medio termine. Segnali CHARTS di un eccesso forza S&P500, resistenza, trendline, overbought, e EUSToxx50 index in resistenza. Nuovamente interessante long ORO, da oversold, trendline supporto.