CONDIVIDI

La Doria ha chiuso il 2017 con ricavi pari a 669,1 milioni di euro, in aumento del 2,4% rispetto al 2016. Il margine operativo lordo è stato pari a 60,1 milioni di euro, in crescita del 6,7% rispetto ai 56,3 milioni del 2016. In crescita l’ebitda margin, al 9% dall’8,6% del 2016. Il risultato operativo netto è stato pari a 41,6 milioni di euro, in salita del 4,3%, rispetto ai 39,9 milioni del 2016 e con un ebit margin stabile al 6,2%.

Il 2017 si è chiuso con un utile netto di 30,4 milioni di euro, in diminuzione del 9,8% rispetto ai 33,7 milioni di euro del 2016.

A fine 2017 i debiti finanziari netti erano pari a 98,1 milioni di euro, in riduzione rispetto ai 104,8 milioni di fine 2016.

Sulla base di questi conti il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea la distribuzione di un dividendo lordo di 23 centesimi di euro per azione, per un monte dividendi complessivo di 7,13 milioni di euro.

Se confermato questo dividendo sarà messo in pagamento dal 4 luglio 2018 con data stacco fissata per il 2 luglio 2018.

La Doria ha approvato il piano al 2021. A fronte di investimenti per 114,7 milioni di euro nell’arco del piano, i target 2021 prevedono i ricavi attesi a circa 757 milioni di euro, un utile operativo lordo atteso a circa 79 milioni con un ebitda margin a circa il 10,5%, un utile operativo netto stimato a circa 59 milioni con un ebit margin a circa l’8%, un utile netto atteso a circa 43 milioni di euro e un rapporto tra debito e marine operativo lordo a 0,8x.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.