CONDIVIDI

Sono ben 30 settimane, come si può vedere bene in Figura 1, che i prezzi del future sull’indice italiano rimangono ben compressi, salvo un paio di fuoriuscite al rialzo e al ribasso, in un range strettissimo, che va da 22.800 punti in alto a 22.000 punti in basso.

Figura 1. Future FtseMib40 – grafico settimanale

E’ dunque lecito attendersi che anche la prossima settimana i prezzi non debordino dalla fascia di oscillazione suddetta.

Però attenzione: prima o poi è assolutamente certo che da tale banda si uscirà e il movimento riveniente sarà da prendere a tutti i costi, primo perché sarà violento, secondo perché se si perdesse si passerebbe altro tempo in laterale in attesa del treno successivo.

Vietato perdere il treno, dunque. Ma sarà un treno rialzista oppure ribassista?

Il fattore decisivo, negli investimenti finanziari, è che non devi rispondere in anticipo a questa domanda. Anche perché è impossibile. Saranno segnali specifici, precisi e affidabili che ci indicheranno la strada.

Tuttavia è possibile e anche utile scrivere qualcosa, allo stato dei fatti: la direzione long, dopo un anno e quattro mesi di salita, l’affacciarsi su resistenze storiche e l’ esistenza di una figura di salita non favorevole a tale verso, presenta maggiori interrogativi e difficoltà , come si evince da Figura 2.

Figura 2. Future FtseMib40 – grafico settimanale