CONDIVIDI

Saipem ha comunicato che il 6 aprile 2018, dopo la chiusura del mercato, gli Uffici della Consob hanno avviato un procedimento amministrativo sanzionatorio formulando alcune contestazioni in ordine alla documentazione d’offerta messa a disposizione del pubblico in occasione della operazione di aumento del capitale realizzata nei mesi di gennaio e febbraio 2016.

Le contestazioni sono rivolte esclusivamente nei confronti degli amministratori e del Chief Financial Officer/Dirigente Preposto in carica in quel momento.

Gli Uffici di Consob nel notificare agli interessati le contestazioni hanno comunicato che le violazioni contestate da Consob, ove accertate dalla Commissione all’esito del procedimento, “sono punite con una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra Euro 5.000 ed Euro 500.000”.

Saipem e tutti gli esponenti aziendali destinatari della comunicazione, nel ribadire il convincimento in ordine alla assoluta correttezza del proprio operato, formuleranno tempestivamente esaustive deduzioni in replica alle contestazioni degli Uffici, confidando sin d’ora che tali deduzioni troveranno accoglimento da parte della Commissione.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.