CONDIVIDI

Prese di beneficio su Telecom Italia. ERG in forte ribasso, dopo che Unicredit ha collocato il 4% del capitale. L'A.S. Roma registra un balzo a due cifre

Piazza Affari e le principali borse europee registrano ribassi frazionali a metà giornata. In mattinata il Tesoro ha collocato il BOT annuale per un ammontare di 6 miliardi di euro: il rendimento del titolo è rimasto negativo e pari al -0,4%.

Alle 12.40 il FTSEMib registrava una flessione dello 0,16% a 23.136 punti, mentre il FTSE Italia All Share era in calo dello 0,21%. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,57%) e per il FTSE Italia Star (-0,65%). Alla stessa ora il controvalore degli scambi era di poco superiore al miliardo di euro.

L’euro si conferma oltre gli 1,235 dollari, mentre il bitcoin[1] si mantiene sotto i 7.000 dollari (circa 5.500 euro).

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40[2]

Prese di beneficio su Telecom Italia. Il titolo della compagnia telefonica registra una flessione del 2,73% a 0,8562 euro. Nelle scorse ore, la Consob ha ufficializzato gli ultimi movimenti di Elliott nel capitale di Telecom Italia: al 15 marzo 2018 deteneva il 3,75%, percentuale salita poi al 5,03% il 3 aprile 2018 e aumentata ancora fino all’8,848% in data 6 aprile 2018. Secondo quanto scritto su il Sole24Ore, per la Cdp (che ha comunicato l’intenzione di salire al 5%) al momento non c’è alcuna comunicazione ufficiale. Il gruppo si starebbe muovendo attraverso Bofa (Bank of America – Merrill Lynch).

Pochi spunti tra i bancari. Secondo quanto riportato nel bollettino mensile pubblicato dalla Banca d'Italia a febbraio l’ammontare delle sofferenze bancarie lorde era pari a circa 163,6 miliardi di euro.

Il Creval cede l’1,25% a 0,1261 euro. Dalle comunicazioni giornaliere diffuse dalla Consob si apprende che il 6 aprile BlackRock ha ridotto la partecipazione aggregata nell'istituto, portandola dal 5,015% al 4,938% del capitale. Nel dettaglio il 4,639% è relativo a diritti di voto riferibili ad azioni, mentre il restante 0,299% è relativo ad azioni oggetto di contratti di prestito titoli con possibilità di rientro non prestabilita a discrezione del prestatore o del prestatario.

Performance positive per i titoli del settore petrolifero, dopo che a New York il prezzo del greggio ha sfiorato i 66 dollari al barile.

Spicca il rialzo di Saipem (+2,92% a 3,211 euro).

ENI è in progresso dello 0,77% a 15,25 euro. Gli analisti di Deutsche Bank hanno incrementato il prezzo obiettivo sul Cane a sei zampe, portandolo da 15,5 euro a 16,5 euro, apprezzando la generazione di cassa del gruppo. Gli esperti hanno anche migliorato il giudizio e ora consigliano l’acquisto delle azioni.

ERG registra una flessione del 6,33% a 18,79 euro. Unicredit ha completato la cessione, attraverso una procedura di accelerated book-building, di 6.012.800 azioni ordinarie, pari a circa il 4% del capitale della società di raffinazione e corrispondenti all’intera partecipazione detenuta dalla banca nella società. Le azioni sono state cedute a un prezzo unitario di 18,6 euro, per un incasso complessivo di 111,84 milioni di euro. Le azioni sono state collocate presso investitori qualificati italiani e istituzionali esteri. Ieri il titolo aveva terminato la seduta a 20,06 euro.

Intonazione negativa per Luxottica (-1,57% a 51,34 euro). Gli analisti di Equita sim hanno tagliato da 58 euro a 55 euro il prezzo obiettivo sulla società, in seguito alla riduzione delle stime sui ricavi e sulla redditività per i prossimi trimestri. Gli esperti hanno anche peggiorato da “Buy” (acquistare) a “Hold” (mantenere) il giudizio.

La A.S. Roma registra un balzo del 19% a 0,577 euro, dopo uno stop per eccesso di rialzo in avvio di giornata. I giallorossi si sono qualificati per le semifinali di Champions League battendo il Barcellona per 3 a 0 all’Olimpico. La squadra allenata da Eusebio Di Francesco ha ribaltato il 4 a 1 dell’andata.

References

  1. ^ quotazione bitcoin (www.soldionline.it)
  2. ^ le quotazioni dei titoli del SOLMib40 (www.soldionline.it)