CONDIVIDI

Pubblicato il: 26/04/2018 09:56

Le borse europee chiudono positive dopo la riunione del consiglio direttivo della Bce, che ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse al minimo storico. L'istituto di Francoforte ha confermato che il Quantitative easing sarà di 30 miliardi di euro al mese fino a settembre, anche se non ha discusso sulla futura politica monetaria. Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha detto che una normalizzazione della crescita nell'eurozona era attesa e che un accomodamento monetario è ancora necessario. A Piazza Affari il Ftse Mib segna un progresso dell'1% a 24.039 punti, dopo l'esito positivo delle consultazioni del presidente della Camera, Roberto Fico, e l'avvio del dialogo fra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Londra sale dello 0,57%, Francoforte dello 0,63% e Parigi dello 0,79%.

Sul listino principale della piazza milanese Mediaset balza del 2,44%, sulla scia dell'offerta di Comcast su Sky e di un report positivo. Ben comprata Fca (+2,03%) sui conti del primo trimestre dell'anno, chiuso con un utile netto adjusted e un utile netto in rialzo rispettivamente del 55% e del 59% a poco più di 1 miliardo di euro. Confermati i target per l'anno in corso.

Bene Eni (+2,02%) e le utility, con A2A (+2,14%), Snam (+1,80%), Italgas (+1,58%) e Terna (+1,31%). Progressi oltre il punto percentuale per Atlantia, Brembo, Pirelli, Luxottica e Stm. Vendite sul risparmio gestito, Ferragamo, Leonardo e Prysmian.