CONDIVIDI

Partenza contrastata per i bancari, dopo i forti rialzi messi a segno nelle ultime sedute. Telecom Italia prova il recupero. Saras inizia la giornata con uno scivolone

Avvio di giornata all’insegna della cautela per Piazza Affari e per le principali borse europee.

Alle 09.15 il FTSEMib registrava un frazionale ribasso dello 0,19% a 20.542 punti, mentre il FTSE Italia All Share era in calo dello 0,21%. Senza scossoni il FTSE Italia Mid Cap (-0,33%) e per il FTSE Italia Star (+0,04%).

Seduta all’insegna dell’incertezza per Wall Street. Il Nasdaq ha terminato la giornata con una flessione dell’1,19% a 7.995 punti. Segno meno anche per l’S&P500 (-0,28% a 2.889 punti). In frazionale progresso, invece, il Dow Jones che è salito dello 0,09% a 25.975 punti. Prese di beneficio su Amazon.com (-2,19% a 1.994,82 dollari), dopo il record raggiunto nella seduta del 4 settembre a oltre 2mila dollari.

Chiusura in frazionale ribasso per la borsa di Tokyo. L’indice Nikkei ha registrato una flessione dello 0,41% a 22.488 punti. In forte calo SUMCO: il gruppo attivo nel settore dei semiconduttori ha lasciato sul terreno il 5,2%.

L’euro si conferma oltre gli 1,16 dollari, mentre il bitcoin[1] è sceso sotto i 6.500 dollari (circa 5.500 euro).

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40[2]

Partenza contrastata per i bancari, dopo i forti rialzi messi a segno nelle ultime due sedute.

Unicredit sale dello 0,09% a 13,242 euro, mentre IntesaSanpaolo perde lo 0,39% a 2,3225 euro. Fitch ha peggiorato l’outlook dei rating sule due banche, portandolo da "stabile" a "negativo" a seguito della recente revisione a negativo dell’outlook sul debito sovrano dell'Italia. L'agenzia ha confermato il rating per il lungo termine per entrambi gli istituti, fissato a "BBB".

Banca Carige invariata a 0,0091 euro. Secondo quanto riportato da Il Sole24Ore nelle scorse ore Malacalza Investimenti – che ad agosto in 7 distinte operazioni ha acquistato circa 18,74 milioni di azioni per salire di un altro 3,659% nel capitale a una quota superiore al 24% – avrebbe chiesto al Tribunale di Genova “un provvedimento per inibire l’ammissione della lista presentata dal finanziere Raffaele Mincione all’assemblea”. Secondo l’azionista di riferimento di Carige si sarebbe violata la disciplina bancaria in materia di autorizzazioni agli acquisti di concerto di partecipazioni. Non si è fatta attenere la reazioni di Mincione, che ha definito la causa come “infondata e strumentale”.

Telecom Italia recupera l’1,04% a 0,5228 euro, dopo le vendite subite nelle scorse giornate. La Repubblica ha scritto che nelle scorse ore l’azionista francese Vivendi, detentore di una quota del 23,94%, ha attaccato in modo aspro il fondo americano Elliott, che, secondo il gruppo transalpino, starebbe gestendo la società telefonica italiana in modo “disastroso”. All’investitore statunitense sarebbe da imputare l’andamento decisamente negativo del titolo in borsa, dove le azioni di Telecom Italia hanno perso il 35% da quando il comando è stato preso da Elliott, con il titolo che ha rivisto le quotazioni minime da 5 anni a questa parte. Secondo La Repubblica “si fa largo il fantasma di una nuova assemblea: Vivendi ne chiederebbe la convocazione per riprendere il comando della società”.

Saras inizia la giornata con uno scivolone dell’8,67% a 1,971 euro. Massimo Moratti Sapa e Mobro Spa hanno collocato – tramite un accelerated bookbuilding – 95,1 milioni di azioni ordinarie, pari a circa il 10% capitale della società di raffinazione, a un prezzo di 2 euro per azione, rispetto ai 2,158 euro della chiusura di ieri. Il collocamento è destinato ad investitori istituzionali, con l'obiettivo di aumentare la liquidità del titolo. Il corrispettivo complessivo è stato pari a circa 190 milioni di euro, suddiviso equamente tra i due azionisti.

L’euro si conferma oltre gli 1,16 dollari, mentre il bitcoin è sceso sotto i 6.500 dollari (circa 5.500 euro).

References

  1. ^ quotazione bitcoin (www.soldionline.it)
  2. ^ le quotazioni dei titoli del SOLMib40 (www.soldionline.it)