CONDIVIDI

Indicazioni operative confermate

Antonio D'Alterio, PUBBLICATO:

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

STMicroelectronics[1]

Arretra di poco il Nasdaq indietreggia troppo Stm: deboli le motivazioni offerte dai gestori per giustificare il calo della società, probabilmente legato al fatto che fossero eccessivi i valori raggiunti precedentemente e adesso orientati a livelli congrui con i fondamentali.

Continua il forte calo registrato da Stm dai massimi di 23 euro e che ammonta la 30%, con la struttura tecnica acquisita dal prezzo che non lascia molte speranze di recupero, in quanto adesso orientata a testare il nuovo supporto di 16.20.

Il quadro tecnico dunque inizia a peggiorare sensibilmente anche in un'ottica di lungo periodo, in quanto i corsi si avvicinano pericolosamente all'ultimo supporto disponibile che difende ancora il trend rialzista, ovvero 15.70 €.

Infatti la violazione del livello di 16.55 ha di fatto annullato definitivamente la struttura rialzista di medio termine, attaccata a partire dal 25 luglio scorso, contribuendo a creare il potente canale ribassista visibile sul grafico allegato.

L'analisi delle configurazioni candlestick evidenza la formazione nelle ultime due settimane di una potente figura di continuazione ribassista, che non può essere giustificata solo dal fisiologico ribasso del Nasdaq, saldamente ancorato in prossimità dei massimi storici.

Il ribasso dei prezzi parte da molto lontano e probabilmente è giustificato da ragioni fondamentali, venendo ad esaurirsi la spinta legata alla domanda mondiale di chip, adesso in ribasso.

Per le prossime settimane purtroppo la dinamica discendente del titolo minaccia nuovi obiettivi da raggiungere, come 15.50 e 14.75, mentre solo un veloce recupero delle quotazioni oltre 17.40 può interrompere la fase discendente in atto.

References

  1. ^ STMicroelectronics (www.trend-online.com)