CONDIVIDI

Piazza Affari sopra la parità, Saipem in evidenza. FTSE MIB +0,19%.

Mercati azionari europei positivi. Wall Street in verde: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +0,1%, Nasdaq Composite +0,2%, Dow Jones Industrial +0,2%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,19%, il FTSE Italia All-Share a +0,20%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,28%, il FTSE Italia STAR a +0,19%. Anche oggi gli indici italiani sottoperformano rispetto a quelli delle altre piazze europee: resta presente l'eco delle parole di ieri del commissario UE agli affari economici e monetari Pierre Moscovici, secondo il quale l'Italia è un problema nell'eurozona e necessita di una legge di bilancio credibile. Mario Draghi ha affermato che le dichiarazioni di alcuni esponenti politici italiani hanno fatto salire i tassi d'interesse per imprese e famiglie, creando qualche danno: la BCE si basa comunque su quanto affermato dal premier italiano e dai ministri dell'Economia e degli Esteri, e cioè che l'Italia rispetterà le regole di bilancio UE.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA la stima preliminare di settembre dell'indice di fiducia dei consumatori, calcolato dall'Università del Michigan e da Reuters, si attesta a 100,8 punti, risultando superiore alle previsioni degli addetti ai lavori pari a 96,7 punti e alla rilevazione precedente pari a 96,2 punti. La Federal Reserve ha reso noto che nel mese di agosto la produzione industriale USA ha evidenziato una crescita dello 0,4% rispetto al mese precedente. Il dato ha battuto le attese (+0,3%) risultando pari alla rilevazione precedente (rivisto dal +0,1%). Il Dipartimento del Commercio ha reso noto che le vendite al dettaglio USA hanno evidenziato nel mese di agosto un incremento dello 0,1% m/m, dopo un incremento dello 0,7% a luglio (rivisto da +0,5%), risultando superiore alle attese fissate su un incremento dello 0,4%. L'indice escluso il comparto auto è cresciuto dello 0,3% dal +0,9% della rilevazione precedente (rivisto da +0,6%). Le attese erano per un indice pari al +0,5%. Eurostat ha comunicato che nel mese di luglio il surplus della bilancia commerciale dell'eurozona (dato destagionalizzato) e' risultato pari a 17,6 mld di euro, in calo dai 21,7 mld di luglio 2017. In base alle prime stime a luglio le esportazioni sono aumentate del 9,4% rispetto a luglio 2017 mentre le importazioni sono aumentate del 13,4% nello stesso periodo. La Banca centrale francese ha rivisto al ribasso per la seconda volta la propria previsione di crescita per il 2018, stimando un incremento dell'1,6% a livello annuo fino al 2020, grazie a un tasso di disoccupazione in calo. In precedenza l'istituto centrale aveva calcolato un tasso di crescita dell'1,8% per il 2018 e dell'1,7% per il 2019. L'Istat rende noto che nel mese di agosto 2018 l'inflazione in Italia ha fatto segnare +0,4% rispetto al mese precedente e +1,6% su base annua (era +1,5% a luglio). La stima preliminare era +1,7%.

Original Article