CONDIVIDI

"A una prima occhiata", la manovra italiana da 0,2% sembra aver raggiunto lo scopo di correzione dei conti: lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, rispondendo a una domanda dei giornalisti. "Stiamo valutando i piani di stabilità e riforme italiani e di altri Paesi, per l'Italia sappiamo che questa valutazione è particolarmente complessa perché bisogna valutare la regola del debito e la manovra da 0,2%. E questa (correzione, ndr), a prima vista, sembra essere tale", ha aggiunto.

Upb, nel 2018 necessarie misure per 1% Pil – Il mantenimento dei medesimi obiettivi programmatici stabiliti nell'ottobre scorso e la disattivazione completa delle clausole di salvaguardia sulle imposte indirette "determinerebbero la necessità di predisporre, nei prossimi mesi, misure almeno pari a circa 1 punto percentuale di Pil nel 2018 e a circa 1,5 punti percentuali nel biennio successivo, senza peraltro considerare la necessità di finanziare ulteriori interventi dichiarati dal Governo per sostenere la crescita e l'occupazione". Lo scrive l'Upb nel Rapporto sulla programmazione di bilancio 2017 dedicato al Def e al Pnr.