CONDIVIDI

Le attese

Bonetti Financial, PUBBLICATO: 1 ora fa

Plus500

Come era atteso la Federal Reserve ha ieri lasciato i tassi di interesse invariati tra lo 0,75% e l’1%.

Come era atteso la Federal Reserve ha ieri lasciato i tassi di interesse invariati tra lo 0,75% e l’1% specificando però come il percorso indicato nei mesi scorsi, di altri rialzi entro la fine dell’anno, continui ad essere confermato.

Quanto emerso ieri non ha quindi sorpreso nessuno, essendo perfettamente in linea con le attese sia del mercato che degli analisti, anche se nel primo trimestre dell’anno si è notato un evidente rallentamento nella crescita della prima economia mondiale. Basti pensare che nei primi tre mesi del 2017 il PIL annualizzato è salito dello 0,7% mentre i due dati precedenti erano stati del 2,1 e del 3,5% e per trovare numeri cosi deboli bisogna tornare indietro ad inizio 2014.

Anche sul fronte inflazione si è notata una perdita di slancio tanto che su base mensile l’ultimo dato mostra addirittura un valore negativo dello 0,3%, primo rallentamento dopo anni di costante crescita.

Certo è che un solo trimestre negativo è sicuramente troppo poco per parlare ufficialmente di rallentamento dell’economia americana, tanto è che la Federal Reserve ha fatto ieri sapere di ritenere quella attuale solamente una fase di “negatività temporanea”. Sarà però importante che i prossimi dati, a partire dal Jobs Report di domani, mostrino che a Washington hanno ragione altrimenti per il Dollaro potrebbe iniziare una fase piuttosto difficile.