CONDIVIDI

Piazza Affari non riesce più a salire. Sono sei le sedute negative di fila, inanellate dall'indice MIB: una sequenza sperimentata l'ultima volta esattamente un anno fa; poco prima di una ripartenza strepitosa.

Plus500

Piazza Affari non riesce più a salire. Sono sei le sedute negative di fila, inanellate dall'indice MIB: una sequenza sperimentata l'ultima volta esattamente un anno fa; poco prima di una ripartenza strepitosa. Confortano meno i numerosi episodi precedenti: a maggio 2016 e nel corso del 2014, questa successione anticipò talvolta effimeri rimbalzi, sovente nuove flessioni. Il monitoraggio dei supporti pertanto assume una rilevanza strategica: al contrario di un anno fa, non possiamo parlare di avvenuta capitolazione.

Evidentemente i setup bearish hanno sortito il loro effetto: il Landry TRIN Reversal di una settimana fa a Piazza Affari e i Sell Sequential setup su base weekly su DAX, Eurostoxx e S&P500, hanno imposto il ripiegamento delle quotazioni. Come si conviene ad un bull market maturo, però, la condizione degli indici è eterogenea, e le ultime 50 sedute che ci separano dalla fine dell'anno assumono una connotazione e, vorremmo dire, una colorazione ben differente, a seconda dei mercati analizzati.

Nel complesso, le sorti dei listini dipendono dal contesto macro di riferimento. Piazza Affari è cresciuta soprattutto grazie ad una sfilza di dati economici rivelatisi negli ultimi dodici mesi costantemente superiori alle attese; "costringendo" così gli investitori a rivedere aspettative e di conseguenza posizionamento. In generale, la pendenza positiva dei CESI, non solo ha favorito in termini assoluti le borse, ma ha indotto una sovraperformance dell'Equity rispetto al mercato obbligazionario. Ora che i CESI minacciano di svoltare verso il basso, dopo una irresistibile risalita, è naturale che gli investitori guardino con maggiore interesse il reddito fisso.

Original Article