CONDIVIDI

Il punto sul forex

Bruno Chastonay, PUBBLICATO:

Plus500

Settimana quella scorsa, che è terminata quasi con un nulla di fatto, sia per gli indici, che per il forex, con molta carne sul fuoco.

Settimana quella scorsa, che è terminata quasi con un nulla di fatto, sia per gli indici, che per il forex, con molta carne sul fuoco. L’ottimismo rimane ai massimi, come pure lo sono i timori e le incertezze, che portano ad investire con la schiena coperta. Focalizzazione su Medio Oriente, da azioni SAUDI, aumento tensioni LIBANO, ISR, IRAN. Timori per il Governo MAY-UK, molto indebolito, perdita di ministri, e discussioni Brexit. E praticamente fallito il VEN, ma che vedrà verosimilmente, la URSS in aiuto a coprire i debiti. La riforma fiscale USA è sempre in stallo, con rischi di rinvii e rivisitazioni, da divergenze e contestazioni sulle tasse societarie. TRUMP firma successi commerciali, e rafforza la sua retorica contro Nord Corea, e raggruppa gli alleati asiatici. Tuona contro gli squilibri commerciali, che non saranno piu’ tollerati, e parla di reciprocità nel commercio.

E la CINA che controlla la parte maggiore del DEBITO USA, apre ulteriormente i suoi mercati agli esteri. E con questo, i mercati sono tornati ad essere dominati dalla POLITICA, e GEOPOLITICA, in un clima si, di ottimismo, ma con crescente cautela e timori. Riduzione quindi di posizioni ed esposizioni, e di maggiore attività ECB sul mercato ITL, a contenere ogni inizio di speculazione negativa. Irrazionalità, solvibilità, accondiscendenza, restano i fattori base, che frenano VOLUMI e VOLATILITA’ globale. Il che non evita movimenti molto ampi su singoli TITOLI, colpiti da risultati non attesi, in un mercato scarsamente ricettivo, e tornano in positivo BTP ITL (da ECB-QE?). E questa settimana avremo un numero molto elevato di commenti, incontri al vertice, banche centrali, su economia, previsioni, relazioni bilaterali, gestione debiti, e altro. Di fronte a questi scenari, dettati dalla politica, i DATI economici, possono essere considerati alla meglio, come “interessanti”, ma di scarso effetto per le quotazioni.