CONDIVIDI

Avvio decisamente positivo per Piazza Affari e le altre piazze del Vecchio Continente. A guidare i progressi i titoli del comparto bancario

Avvio decisamente positivo per Piazza Affari e le altre piazze del Vecchio Continente. A guidare i progressi i titoli del comparto bancario dopo l'ok dei regolatori europei ale regole di Basilea3. Positivo anche l'accordo raggiunto tra la premier britannica Theresa May e il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker sulla Brexit del Regno Unito dall'Unione Europea. Secondo indiscrezioni Londra avrebbe accettato di versare nelle casse della Ue una somma compresa tra i 40 e i 60 miliardi di euro.

Plus500

Così dopo le prime fasi di contrattazione Il FTSEMib sale dell'1,12% a 22.711 punti mentre l'All Share avanza dell'1,05% a 25.079 punti. Bene anche il Mid Cap (+0,57%) e lo Star (+0,6%).

CONSULTA le quotazioni dei titoli del SOLMib40[1]

A Piazza Affari occhi sui bancari. Ieri è stato raggiunto, tra i governatori delle Banche centrali e i responsabili delle Autorità di vigilanza, l'accordo sulle regole di Basilea3. Le misure, che inizieranno ad entrare in vigore dal 2022 per essere pienamente applicate nel 2027, vengono incontro alle richieste delle banche italiane perché contemplano un più favorevole trattamento dei prestiti deteriorati. E non sarebbe stata trovata un’intesa per limitare l’esposizione delle banche ai titoli di Stato, misura che avrebbe penalizzato i nostri istituti di credito.

Continua il rialzo di Banca Carige (+10%). Secondo quanto riporta il Sole24Ore sono circolate indiscrezioni sulla autorizzazione da parte della Bce a Malacalza Investimenti a salire al 28% del capitale dell'istituto ligure che ha chiuso nella serata di mercoledì 6 il suo aumento di capitale. La conseguenza è che il consorzio bancario (composto da Credit Suisse, Deutsche Bank, Barclays e il co-garante Equita Sim) verrà chiamato a sottoscrivere una quota minima, circa 2,7 milioni

Avvio positivo per Credito Valtellinese (+1,53%). MF scrive che in vista dell'aumento di capitale del Credito Valtellinese il finanziere francese, ora domiciliato in Svizzera, Denis Dumont e il fondo Cerberus potrebbero stringere un'alleanza con l’obiettivo di arrivare a una quota compresa tra il 20% e il 25% del capitale della banca.

Tra gli altri titoli del comparto da segnalare l'apertura in grande spolvero per Banco Bpm (+5,49%), BPER Banca (+5,29%), Unicredit (+4,67%), UBI Banca (+4,41%) IntesaSanpaolo (+3,6%).

In rialzo del 3,26% Fiat Chrysler Automobiles. Gli analisti di Goldman Sachs hanno alzato da 25,5 a 29,6 euro il loro target price sulla società, con un giudizio "buy" (acquistare) confermato. Abbassata invece la valutazione di Ferrari (+1,69%), a 106 euro dai precedenti 110 euro, con un rating "neutrale".

Da tenere sotto controllo anche Atlantia (-0,04%). Secondo quanto indicato dal Corriere della Sera sarebbe arrivato un altro stop, da parte del governo spagnolo, al gruppo italiano nell'ambito dell'Opas (offerta publica di acquisto e scambio) sull'iberica Abertis. Il Consiglio dei ministri di Madrid, infatti, avrebbe chiesto alla Consob spagnola, la Cnmv, di sollecitare Atlantia a farsi dare dal governo stesso l’autorizzazione a promuovere un’offerta sul gruppo iberico.

Giornata positiva, quella di ieri, per i principali indici della borsa americana. Il Dow Jones e lo Standard & Poor's 500 hanno guadagnato entrambi lo 0,29% rispettivamente a 24.211 e 2.637 punti. Meglio ha fatto il Nasdaq, in rialzo dello 0,54% a 6.813 punti.

Chiusura positiva per la piazza borsistica di Tokyo, in rialzo in scia alla comunicazione di un Pil del terzo trimestre rivisto decisamente al rialzo. L'indice Nikkei ha messo a segno un progresso dell'1,4% a 22.811 punti. In giornata l'ufficio di statistica nipponico aveva comunicato una revisione, ampiamente al rialzo, del Pil giapponese del terzo trimestre, cresciuto del 2,5% su base annua a fronte di una stima preliminare di 1,4%, e contro attese pari all'1,5%. Su base trimestrale, il Pil ha segnato una crescita di 0,6%.

References

  1. ^ le quotazioni dei titoli del SOLMib40 (www.soldionline.it)