CONDIVIDI

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Piazza AffariWall Street[1][2]

I mercati ci hanno confermato la forza dei compratori in USA e quella dei venditori in Europa.

La giornata di ieri ha visto i rapporti forza tra azionario americano ed europeo ripristinare impetuosamente l’aspetto che abbiamo constatato negli ultimi due mesi del 2017 e che sono stati messi leggermente in dubbio ad inizio 2018, quando gli indici europei erano sembrati recuperare forza.

Invece ieri i mercati ci hanno confermato la forza dei compratori in USA e quella dei venditori in Europa, mostrando nuovamente forti disparità di salute a favore degli indici americani.

Tutti i principali indici americani, infatti, con un balzo poderoso e corale, hanno cancellato l’ipotesi correttiva che mercoledì sembrava volersi imporre, ed hanno registrato nuovi massimi storici al termine di una seduta convincente, che testimonia un’euforia che si auto-alimenta, non appena emergono notizie che sembrano dare, almeno in parte, ragione alle politiche di Trump.

Infatti cominciano ad arrivare dichiarazioni di manager di importanti multinazionali, che hanno affermato l’intenzione di rilocalizzare in USA parte della produzione per sfruttare i vantaggi fiscali della riforma Trump. Tra questi Marchionne ha annunciato oltre 1 miliardo di investimenti per portare in Michigan uno stabilimento oggi localizzato in Messico. Inoltre qualche impresa comincia a voler trasferire sulle buste paga dei dipendenti parte del beneficio fiscale che riceverà quest’anno. E’ il caso di Wal Mart, il colosso dei centri commerciali USA, che ha annunciato di voler alzare il salario minimo a 11 dollari l’ora e la distribuzione di un bonus da 1.000 dollari a ciascun dipendente.

Invece in Europa le cose non girano altrettanto bene. Dopo la correzione di mercoledì, ieri sia il Dax tedesco che l’indice globale delle blue chips europee Eurostoxx50 hanno concesso il bis, allontanandosi ulteriormente dai massimi di quest’anno, fatti ad inizio settimana.

References

  1. ^ Piazza Affari (www.trend-online.com)
  2. ^ Wall Street (www.trend-online.com)

Original Article