CONDIVIDI

0

CONDIVISIONI

In un clima abbastanza teso come quello di questi giorni caratterizzato dalle polemiche in corso tra il Governo Italiano e l’Europa, arriva ancora una volta Mario Draghi a “salvare” la situazioni, ricordando gli impegni di tutti ma mostrandosi positivo sul possibile raggiungimento di un compromesso relativamente alla manovra.

draghi

E’ palese che per come stanno le cose e se si vuole puntare alla tranquillità delle istituzioni vi è bisogno di qualcosa che possa accontentare sia l’Europa che l’Italia nel rispetto del patto di Stabilità e Crescita. Ha commentato il governatore della Bce, da Bali dove si trova per gli incontri stabiliti dal Fondo Monetario Internazionale[1]:

Sono fiducioso che tutte le parti trovino un compromesso. Sappiamo che ci sono procedure stabilite e accettate da tutti, ci sono state deviazioni: non è la prima volta e non sarà l’ultima. Bisogna aspettare per dare una valutazione complessiva sulla legge di bilancio, aspettiamo di vedere la versione definitiva. Tutte le parti devono abbassare i toni, non solo l’Italia. Non è la prima volta che c’è stata una deviazione delle regole stabilite dall’Europa. Come ho detto, bisogna abbassare i toni e sono piuttosto ottimista che sarà trovato un compromesso.

Per Mario Draghi l’Eurozona[2] non deve temere alcun “contagio” economico derivante dalle tensioni al momento presenti sulla legge di Bilancio tra le autorità europee e quelle italiane. E tirando le orecchie a proposito delle “chiacchiere” sulla tenuta dell’Unione Europea come quelle lanciate a più riprese da alcuni esponenti leghisti conclude:

I dibattiti sulla esistenza dell’euro hanno creato danni reali con un forte aumento dello spread in coincidenza con tali dichiarazioni. Il risultato è che famiglie e imprese oggi pagano tassi di interesse più alti.

Qualcosa che andrebbe ricordato.

Articolo precedente

Borse europee positive e spread italiano in contrazione[3]

References

  1. ^ Fondo Monetario Internazionale (www.finanzalive.com)
  2. ^ Eurozona (www.finanzalive.com)
  3. ^ Borse europee positive e spread italiano in contrazione (www.finanzalive.com)